Al 5 giorno di trattamento non scendo più di peso come mai?

Scritto da Staff Nutrithin1 on . Postato in Domande e Risposte

Salve!
Oggi ho iniziato il quinto giorno di trattamento con Nutri thin.... Devo dire che i primi tre giorni sono stati soddisfacenti.....ma ora mi spiego.  Ho iniziato lunedì partendo da un peso di kg. 59,9 e per i primi 3 giorni, pur soffrendo molto la fame, tanta debolezza e fiacchezza (vi avevo già scritto questo), non ho ceduto a nessuno strappo, ho tenuto duro e infatti ieri mattina, tutta contenta mi sono pesata ed ero arrivata a kg. 57,1, quindi traducendo in cifre, 2,8 kg in meno in 3 giorni.  Ieri sera però, tra la fame e il caldo, ho avuto un calo di pressione che mi ha portata quasi allo svenimento e allora ho deciso di introdurre qulacosa e, sotto il vostro consiglio, mi sono mangiata un etto di bresaola condita solo con un po di limone. Per il resto, in quattro giorni, io non ho sgarrato, né con te, tisane, caffè, dolcificanti....niente di niente. Stamattina, con sommo rammarico, mi sono pesata e il peso è rimasto invariato (57,1kg).......Mi domando..è normale? Allora sono dimagrita perchè non ho mangiato niente? Qundi, se mangio anche una piccola cosa......il beneficio svanisce? Il problema è che devo proprio ingerire qualcosa...ieri sera mi sono subito ripresa e credo di non farcela ancora 6 gg (compreso oggi) a non mangiare niente. Lo so, vi posso sembrare petulante..ma mi piace e mi da sicurezza essere seguita fino in fondo da persone di cui mi fido. Da ultimo...vi chiedo se gentilmente potete darmi voi la dieta giornaliera  da seguire per la seconda fase, tenendo conto che io lavoro dalla mattina alla sera e non posso prepararmi certe pietanze complicate, ma solo cose gestibili e facili da preparare (es..per colazione yogurt o magari a pranzo ricotta), insomma cibi pronti. Spero di non seccarvi troppo o arrecarvi fastidi..... ma stamattina sono proprio giù di morale.
Grazie e buona giornata!

 

Gentile Signora,
se si è verificato un arresto del calo ponderale i motivi possono essere diversi , le cause principali più frequenti possono essere due: 1) Vi può essere una spiccata insulinoresistenza da cause diverse (ormonali, metaboliche, processi infiammatori o stress ossidativo in atto, ecc) che ostacola la chetogenesi e favorisce l'accumulo nei tessuti degli zuccheri, compresi quelli provenienti della neoglicogenesi aminoacidica, con la conseguenza del peso stazionario. 2) Possono preesistere disordini ormonali o predisposizioni a disturbi metabolici che giocano ruoli diversi nel processo lipolitico. Metabolismo troppo basso per una insufficienza tiroidea, carenza di testosterone o di DHEA , eccesso di ormoni glicocorticoidi con forte ritenzione idrica ecc, ma soprattutto questi disordini, ancor prima di essere malattie, deve sapere che interferiscono notevolmente con la chetogensi ed il metabolismo lipidico, ostacolandone la lisi. Le situazioni vanno esaminate singolarmente e riequilibrate. Le comunichiamo inoltre che non è difficile operare delle sostituzioni ai menu proposti per la fase2, in funzione dei suoi gusti o delle sue esigenze di praticità. Come sa, i nutrienti che costituiscono il valore energetico degli alimenti sono fondamentalmente tre; Proteine, Carboidrati e Grassi. Al gruppo delle Proteine appartengono la carne , il pesce, le uova il latte ed alcuni legumi Al gruppo dei carboidrati, invece, tutti i farinacei (pane, pasta ecc..), le verdure e la frutta e gli zuccheri sia semplici che composti. I grassi più noti ed utilizzati sono gli oli vegetali (olio di oliva, girasole ed altri), il burro ed altri grassi di origine animale o vegetale (margarine). Prendendo pertanto in considerazione questi grandi gruppi, possiamo trovare, se dobbiamo assumere, ad esempio, delle Proteine, alcune sostituzioni ad alimenti che non gradiamo (o non possiamo) assumere. Se, per esempio, diciamo "uova" per preparare una frittata, sappiamo che stiamo prendendo in considerazione un alimento a prevalente contenuto proteico. Se desiderassimo sostituirlo, in linea di massima, il latte ( o un suo derivato, chiaramente) potrebbe quindi andar bene, facendo parte dello stesso gruppo di nutrienti, pur ovviamente con delle differenze. Se, inoltre, la predetta frittata dovesse essere preparata con l'aggiunta di verdure, queste potrebbero essere sostituite con diversi vegetali, aventi caratteristiche, tutto sommato abbastanza simili. Quindi, per tradurre in qualcosa di diverso la predetta frittata con verdure, potrebbe, per praticità o per preferenza, sostituire quel pasto con Yoghurt (light) alla frutta o con una confezione di fiocchi di latte (tipo Jocca) eventualmente arricchiti con un po' di frutta fresca a pezzetti. In questo diverso alimento troverebbe , a grandi linee, gli stessi nutrienti previsti in quello che al momento non gradisce o non può preparare. Ovviamente, in questa fase, rientrando in considerazione il computo delle calorie, le suggeriamo di preferire prodotti "Light", cioè a basso contenuto di grassi e/o zuccheri aggiunti. Ogni Azienda ha ormai in listino prodotti validissimi e molto gustosi, preparati tenendo presenti le esigenze di contenimento dell' apporto calorico e dei grassi. Va inoltre considerato il fatto che, durante la fase 2, l'apporto di carboidrati non deve superare il 6/8% del totale dei nutrienti, sia per il consolidamento del risultato ottenuto, con graduale rientro ad un regime alimentare normale, ma ancor più, laddove necessario, per mantenere l'organismo nelle condizioni ideali, propedeutiche all'istituzione di un secondo ciclo di trattamento con Nutrithin1. Per calcolare questa percentuale di apporto di carboidrati sono molto utili le "Tabelle dei valori nutrizionali" che ormai sono presenti in ogni prodotto confezionato. Le suddette tabelle sono di facile lettura e permettono di conoscere la quantità di ogni singolo nutriente che il consumatore assume con 100 grammi di prodotto. Nel nostro caso, come detto, va tenuto particolarmente d'occhio il valore relativo ai carboidrati, per attenersi al citato 6/8% sul totale dell'apporto giornaliero. I menu suggeriti "fase2" che ha trovato nel Protocollo d'uso sono dunque indicativi e possono essere modificati in funzione delle preferenze o delle esigenze personali, seguendo queste semplici regole. Ciò che conta è sostituire Proteine con Proteine e Carboidrati con Carboidrati. Le combinazioni equivalenti, a questo punto diventano pressoché infinite e le esigenze individuali, di gradimento o di praticità esecutiva, sono rispettate. Ci auguriamo di essere stati esaurienti. Rimaniamo comunque a sua disposizione per ogni ulteriore eventuale necessità di chiarimenti; non esiti a contattarci ogni volta che ritenesse opportuno farlo. In attesa di sue gradite corrispondenze, cogliamo l'occasione per salutarla cordialmente.

Lo staff di Nutrithin1

Contattaci

Hai dei dubbi?

Se hai anche solo un minimo dubbio o la necessità di maggiori informazioni non esitare a contattare la nostra assistenza Clienti.

Protocollo

Leggi il Protocollo Nutrithin1

Nel Protocollo d'uso troverai descritte in modo semplice e dettagliato le istruzioni, le dosi consigliate e tutto quanto necessario ad un trattamento efficace e soddisfacente.

Made in Italy

Made in Italy

Nutrithin1, così come tutti gli altri prodotti presenti nel sito, è realizzato in Italia, notificato al Ministero della Salute e presente in tutte le Banche Dati.