Soffro di ipertensione reflusso gastroesofageo e tiroidite autoimmune posso utilizzare il nutrithin1

Scritto da Staff Nutrithin1 on . Postato in Domande e Risposte

Soffro di ipertensione da 12 anni in cura con betabloccante (lobivon), reflusso gastroesofageo che si presenta nei cambi di stagione e una tiroidite autoimmune (hashimoto) che al momento non va curata. Ho fatto già una dieta proteica con cibi e integratori preparati in farmacia la prima volta ho perso 12 kg in due mesi ma la seconda volta questi farmaci mi portavano tachicardia e quindi non ho continuato. Posso usare il nutrithin?
Grazie,
Xxxxxxxx

 

Gentile Signora Xxxxxxxx,

nessuna delle patologie che ci segnala è di per sé un fatto ostativo all'uso del Nutrithin1, ma, solitamente, ai potenziali Clienti che ci sottopongono domande circa la propria possibilità individuale di accedere al trattamento con Nutrithin1 in presenza di disfunzioni, o che stanno seguendo particolari protocolli terapeutici che prevedono l'uso di Farmaci, suggeriamo di rivolgersi al proprio Medico per ottenere un parere positivo, prima di procedere all'acquisto. Secondo ciò che ci risulta, sembra molto improbabile che le semplici proteine possano aver causato la tachicardia che ha lamentato in precedenza; sembrerebbe più probabile che questa possa essere stata causata da altri agenti, forse presenti in qualche integratore utilizzato a supporto del precedente trattamento proteico, come, ad esempio il Fucus Vesiculosus o il Citrus Aurantium, che sono molto utilizzati nei trattamenti finalizzati al calo ponderale e tipicamente potrebbero causare questo problema; ma queste sono solo delle ipotesi. Sarebbe interessante conoscere la composizione di tutti gli integratori che le sono stati forniti a suo tempo per lo svolgimento del trattamento; conoscendo i principi attivi che ha assunto sarebbe molto più semplice stabilire la causa della predetta tachicardia. Il trattamento con Nutrithin1 consiste nell'assumere una quantità assolutamente normale di proteine e non comporta alcun rischio. Questo vuol dire che la possono fare tutti con l'esclusione solo di coloro che non possono assumere una quantità normale di proteine ossia i pazienti con una grave insufficienza renale, quelli, cioè, che sono costretti a limitare le proteine della dieta e usare pane e pasta aproteici. Nonostante questo, per un senso di massimo scrupolo e di rispetto verso la professionalità del Medico che l'ha in cura, le consigliamo comunque di rivolgersi al Dottore per ottenere un parere favorevole circa la sua possibilità individuale di accedere al trattamento di alimentazione esclusivamente proteica con Nutrithin1. Il Medico, che conosce perfettamente sia lei come Paziente che la Fisiologia della Chetogenesi, compreso l'uso della stessa ai fini del calo ponderale, non avrà alcuna difficoltà ad esprimersi in merito. Eventualmente, per semplificare le cose, potrebbe mostrargli i contenuti del nostro sito o, più semplicemente, domandare: "in funzione del mio stato di salute e dei Farmaci che sto assumendo, posso fare una dieta proteica per 10 giorni?". Una volta ottenuto un parere favorevole circa la sua possibilità individuale di accedere al trattamento con Nutrithin1, sarebbe nostro piacere fornirle quanto di sua necessità, offrendole inoltre, in ogni momento, tutta l'assistenza e la consulenza post-vendita di cui dovesse aver bisogno per la perfetta riuscita del trattamento. Nel ringraziarla per averci interpellati e rimanendo a disposizione per ogni Sua esigenza, cogliamo l'occasione per salutarla cordialmente.

Lo staff di Nutrithin1

Contattaci

Hai dei dubbi?

Se hai anche solo un minimo dubbio o la necessità di maggiori informazioni non esitare a contattare la nostra assistenza Clienti.

Protocollo

Leggi il Protocollo Nutrithin1

Nel Protocollo d'uso troverai descritte in modo semplice e dettagliato le istruzioni, le dosi consigliate e tutto quanto necessario ad un trattamento efficace e soddisfacente.

Made in Italy

Made in Italy

Nutrithin1, così come tutti gli altri prodotti presenti nel sito, è realizzato in Italia, notificato al Ministero della Salute e presente in tutte le Banche Dati.